Coronavirus, approvato il decreto legge ‘Cura Italia’: Conte: «25 miliardi per imprese e famiglie» di cui 3 miliardi di euro per autonomi e professionisti. Si preannunciano novità sul fronte degli investimenti pubblici.

Un duro colpo per l’economia, ma l’Italia reagisce con provvedimenti di sostegno e supporto alle imprese e alle famiglie. Arriverà nelle prossime ore il decreto legge “Cura Italia” anticipato nella conferenza stampa del 16 marzo 2020. ( http://www.governo.it/it/articolo/comunicato-stampa-del-consiglio-dei-ministri-n-37/14324

Questo deve essere solo l’inizio: una delle tante misure annunciate e chieste al Governo da gran parte delle categorie imprenditoriali, per sostenere il crollo del PIL, sono nuovi provvedimenti di investimenti pubblici per accelerare l’apertura dei cantieri.

Vista la grave situazione mai vissuta prima, anche il Governo, come le imprese italiane, sta navigando a vista in virtù dell’incertezza mondiale. 

Cosa aspettarci da questo decreto? 

Il corposo e articolato provvedimento sta coinvolgendo, con interventi di sostegno, famiglie, imprese, lavoratori e comparto ospedaliero.

 Un’iniezione di denaro sostegno dell’economia che in questo periodo sta pagando il caro prezzo della mancata produttività.

Circa 25 miliardi di finanziamenti che rientrano in un quadro molto più generale di una mobilità di circa 340 miliardi nei prossimi mesi. Il provvedimento avrà immediato valore attuativo.

Vediamo i 5 punti più di interesse per l’edilizia in cui si articola il provvedimento, secondo quanto ha spiegato il Ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri:

  • 3,5 miliardi per il Sistema Sanitario Nazionale e Protezione Civile;
  •  Crediti di imposta per settori economici specifici di cui saranno emanate norme ad hoc;
  • Decine di miliardi per immettere liquidità nel sistema del credito con garanzie pubbliche al credito per sospendere mutui e prestiti;
  • Differimento al versamento di contributi e tributi al 20 marzo e per altre scadenze al 31 maggio.

geoJOB Recruitment segue l’evoluzione delle norme che faranno ripartire l’economia  attraverso una comunicazione attiva e interpretativa a supporto di tutte le parti coinvolte: imprese e lavoratori.

Cogliamo tutti insieme l’opportunità per non lasciarci sorprendere dalla ripresa delle attività che sarà veloce e che richiederà efficienza e coerenza con le scelte imprenditoriali. 

4 Gennaio 2024 ANCE

🏗️ Riflessioni sull’Edilizia in Italia: Sfide e Opportunità.

Siamo all’inizio del 2024 e vorrei condividere alcune riflessioni sull'attuale stato dell'edilizia in Italia, un settore che continua ad essere...

14 Maggio 2024 Comunicazione

Un Passo Avanti Verso l’Edilizia del Domani: Il Cambiamento Inizia Ora

L'evoluzione dell'edilizia italiana si veste di tecnologia e sostenibilità, spinta da nuove strategie mirate a modernizzare gli edifici esistenti e...

3 Maggio 2024 Comunicazione

Affrontare la Crisi di Manodopera Qualificata: Una Strategia per il Futuro

Il Dilemma Attuale del Mercato del Lavoro Da anni, il mercato del lavoro si confronta con la difficoltà crescente di...

23 Aprile 2024 Comunicazione

La Rivoluzione della Sicurezza nei Cantieri: A che punto siamo con l’Introduzione della Patente a...

Presentato il 27 Febbraio dal Consiglio dei Ministri la  patente a punti per i cantieri dovrebbe essere un sistema pensato...

17 Aprile 2024 Comunicazione

L’Impatto del Superbonus e la Trasformazione Continua per il PNRR con geoJOB Recruitment

L'edilizia in Italia ha attraversato una fase di rinascita straordinaria grazie agli incentivi come il Superbonus 110%, che hanno stimolato...