La Diversity nel settore delle costruzioni

Perché NON è un mondo di soli uomini

nonostante l’abitudine…

Lo stereotipo è famoso:

È un lavoro da uomini..

Fatica = Uomini…

Costruzioni, settore da uomini…”

“A ingegneria non ci sono studentesse…”

“Le professioniste si contano sulle dita di una mano…”

E così via.

Inutile nascondersi: per moltissimo tempo, questi sono stati alcuni dei pensieri più comuni legati al settore edile/costruzioni.

Ma le cose stanno cambiando

Un pezzo alla volta, il muro degli stereotipi sta crollando – per fortuna!

E questo è grazie ad un cambio di mentalità che sta avvenendo in tutti i settori e – magari – l’hai sentito nominare sotto il concetto inglese di:

Diversity, lavorare per un mondo aperto a tutti

In GEOJob crediamo che la diversità sia un grande valore aggiunto per tutte le imprese edili (data la nostra specializzazione settoriale) ed è il più grande cambiamento del nostro “mondo”.

E tutto parte dall’educazione: Conoscere la diversità da vicino significa conoscerne da un lato le difficoltà e quindi poter individuare più facilmente strumenti per favorire l’inclusione, ma vuol dire soprattutto essere consapevoli del grande potenziale che la diversità, se inclusa, può esprimere.

Fatti – oltre che parole

La diversity va messa in pratica. Non basta dire “ci crediamo”.

Bisogna impegnarsi di cambiare in positivo la propria organizzazione creando un piano di sviluppo.

Per esempio, potresti seguire questo processo per iniziare a cambiare le “cose”:

  1. Identifica i tuoi problemi relativi a diversità ed inclusione;
  2. Stabilisci gli obiettivi di diversità e inclusione;
  3. Stabilisci i valori dell’organizzazione;
  4. Crea una roadmap per raggiungere quegli obiettivi di inclusione;
  5. Metti in pratica!

Quasi dimenticavamo: è indispensabile che ci siano, tra tutti gli individui coinvolti nel progetto, alcune persone che conoscono la diversità e la vivono quotidianamente.

Nel settore edile, i grandi tabù sono legati alle donne e ai disabili (a cui si aggiunge l’esenzione dall’assunzione obbligatoria dopo i 35 dipendenti, dato che si tratta di un settore di grande fatica), ma molto spesso si sottovaluta quali sono i vantaggi che un team composto da persone diverse tra di loro può portare.

Abbiamo provato a racchiudere i vantaggi dell’inclusione della diversità.

Quali vantaggi porta la diversità?

In ordine sparso, abbiamo:

  1. Attrattività: le nuove generazioni sono sempre più attente all’inclusività e cercano – tra gli altri fattori – anche la possibilità di crescere in un ambiente eterogeneo;

  2. Capacità di risposta: i clienti sono diversi tra loro e poter contare su un team eterogeneo è il miglior modo per soddisfare e capire i loro bisogni;

  3. Espansione: Mentalità diverse portano maggiore flessibilità e capacità di aprirsi a nuovi business, con tutti i vantaggi nel medio/lungo periodo;
  • Forza dell’organizzazione: un mix variegato di competenze ed esperienze è decisamente più forte che un gruppo di persone omogenee;

e, di conseguenza…

  • maggiore facilità di innovazione.

Quest’ultimo punto è la conseguenza di tutti gli altri. Se le persone hanno vissuto esperienze diverse, hanno competenze differenti e hanno punti di vista non omogenei (e magari opposti!) allora la creatività trova terreno fertile per crescere.

E tutto questo fa il bene dell’azienda!

Certo, il tema della diversità nel settore edile (il settore di nostra competenza) richiede alcune accortezze per poter essere l’arma vincente di un’impresa.

Ci sono, infatti, tre punti su cui le imprese dovranno lavorare. Sono:

a.   Formazione

Lavorare con persone che hanno valori, princìpi e capacità differenti da quelle “classiche da cantiere” (come nel caso di persone disabili) richiede una formazione delle persone nei ruoli chiave del progetto – affinché siano capaci di gestire il team.

b.   Gestione del personale

Un team inclusivo nella diversità è una ricchezza per l’azienda ma la diversità può generare dei conflitti che potrebbero degenerare in crisi ma… si possono disinnescare facilmente!

L’importante è saperlo fare. Ecco perché le capacità manageriali diventeranno sempre più rilevanti anche in cantiere (e perciò, non solo più relegate negli uffici).

E, infine…

Sicurezza

La sicurezza sul lavoro è un tema attualissimo nel nostro settore e la diversità – se possibile – la rende ancora più pressante: se “il lavoratore tipo” non è solo più riducibile allo stereotipo (uomo abituato alla fatica, etc.) allora anche la sicurezza deve cambiare i suoi paradigmi per proteggere TUTTE le persone in cantiere.

Perciò, le imprese vorranno cercare o formare delle figure professionali capaci di gestire queste tre variabili della diversità – così da poterla abbracciare completamente e… godersi i suoi benefici!

E perciò, se ti interessa ricoprire questo ruolo… Puoi scoprire le nostre offerte di lavoro nel settore dell’edilizia qui!

4 Gennaio 2024 ANCE

🏗️ Riflessioni sull’Edilizia in Italia: Sfide e Opportunità.

Siamo all’inizio del 2024 e vorrei condividere alcune riflessioni sull'attuale stato dell'edilizia in Italia, un settore che continua ad essere...

14 Maggio 2024 Comunicazione

Un Passo Avanti Verso l’Edilizia del Domani: Il Cambiamento Inizia Ora

L'evoluzione dell'edilizia italiana si veste di tecnologia e sostenibilità, spinta da nuove strategie mirate a modernizzare gli edifici esistenti e...

3 Maggio 2024 Comunicazione

Affrontare la Crisi di Manodopera Qualificata: Una Strategia per il Futuro

Il Dilemma Attuale del Mercato del Lavoro Da anni, il mercato del lavoro si confronta con la difficoltà crescente di...

23 Aprile 2024 Comunicazione

La Rivoluzione della Sicurezza nei Cantieri: A che punto siamo con l’Introduzione della Patente a...

Presentato il 27 Febbraio dal Consiglio dei Ministri la  patente a punti per i cantieri dovrebbe essere un sistema pensato...

17 Aprile 2024 Comunicazione

L’Impatto del Superbonus e la Trasformazione Continua per il PNRR con geoJOB Recruitment

L'edilizia in Italia ha attraversato una fase di rinascita straordinaria grazie agli incentivi come il Superbonus 110%, che hanno stimolato...