Il BIM in Italia: Il punto della situazione su diffusione e adozione

Il BIM in Italia: il punto della situazione su diffusione e adozione

Nell’ambito dell’industria delle costruzioni, l’adozione del BIM, Building Information Modeling (BIM) sta rivoluzionando i processi progettuali e costruttivi a livello globale. In questo articolo abbiamo voluto esplorare la situazione attuale dell’implementazione del BIM in Italia, uno dei Paesi europei che sta mettendo in campo notevoli sforzi per integrare al meglio questa metodologia. Il BIM, infatti, rappresenta un passo fondamentale verso la digitalizzazione del settore edile, promettendo un significativo aumento dell’efficienza, della qualità e della sostenibilità nel campo delle costruzioni. 

La situazione in Europa

Il Regno Unito è da sempre stato un punto di riferimento per l’adozione del BIM a livello europeo, ma ora il gap con gli altri Paesi si sta progressivamente riducendo. 
Nel 2022 PlanRadar ha promosso una ricerca per esaminare l’adozione del BIM in diversi mercati europei, analizzando vari aspetti come le motivazioni per la sua implementazione, l’atteggiamento dei professionisti del settore delle costruzioni, le misure governative per renderlo obbligatorio e le previsioni di crescita futura.

Il Regno Unito mantiene una solida leadership, con il più alto numero di imprese di costruzione che adottano il BIM di livello 2 o superiore. 

In Germania, il 70% delle imprese edili utilizza il BIM a diversi livelli, sebbene principalmente in fase di progettazione. 

La Francia mostra un tasso di adozione in crescita, con il 35% degli sviluppatori immobiliari che utilizzano il BIM, nonostante l’assenza di uno specifico standard normativo. 

L’Austria, invece, ha definito i propri standard BIM avanzati, con l’adozione da parte del 20% delle piccole e medie imprese di costruzione. 

Infine, la Polonia ha visto un notevole incremento nell’uso del BIM, con il 43% degli sviluppatori immobiliari che lo adottano, nonostante la mancanza di protocolli obbligatori.

La situazione Italiana

L’implementazione del BIM rappresenta una rivoluzione nell’approccio ai progetti di costruzione. Questo modello basato su dati digitali consente di gestire tutte le fasi di un progetto edile, dall’ideazione alla realizzazione, fino al monitoraggio post-consegna (Campo sul quale si sta concentrando sempre più attenzione). 

Per i grandi cantieri internazionali, il BIM è ormai uno standard, mentre in Italia, nonostante un iniziale rallentamento, si assiste a una progressiva diffusione di questa metodologia.

In Italia, nonostante l’indubbio valore del BIM, la sua adozione è stata inizialmente lenta. Un report dell’OICE evidenzia come solo l’8% delle gare pubbliche per servizi di ingegneria e architettura richiedano l’uso del BIM. La scarsa consapevolezza di cosa significhi “lavorare in BIM” è un ulteriore ostacolo alla sua diffusione.

Negli ultimi mesi si sta assistendo a un progressivo cambio di rotta. Nuove figure professionali legate al BIM, come il BIM Manager, il BIM Coordinator, il BIM Specialist e il CDE Manager, stanno emergendo e la pubblicazione di norme specifiche relative a queste figure sta stimolando l’aggiornamento dei professionisti. 
Inoltre, l’incremento dei “bandi BIM” ,stimolato dai fondi PNRR, conferma che le Pubbliche Amministrazioni stanno abbracciando questa metodologia operativa.

Le sfide all’orizzonte

Nonostante le grandi opportunità per i professionisti e per il settore, rimangono da affrontare sfide significative. La frammentazione degli operatori, l’individualismo delle libere professioni, e la carenza di strumenti di gestione e di project management possono ostacolare l’adozione del BIM. Per superare queste sfide, è essenziale un impegno serio nell’organizzazione e nella formazione.

Un grande vantaggio nell’utilizzo di questa metodologia è dato dalla possibilità di lavorare e collaborare con imprese e progettisti da remoto. Questo permette alle imprese italiane e ai project Manager di gestire l’attuale carenza di figure professionali in Italia, collaborando con professionisti esteri.

In quali progetti è più indicato il BIM?

Nel settore si discute anche su quale tipo di progetti sia più adatto alla metodologia BIM: se i nuovi progetti (green field) o le opere esistenti.

Nonostante le iniziali perplessità, l’adozione del BIM sta mostrando il suo valore anche nella gestione di opere esistenti, grazie alla capacità di documentare con precisione lo stato di fatto e di pianificare interventi di restauro e risanamento.

Siamo sulla strada giusta, ma abbiamo tanto da fare.

Sebbene l’adozione del BIM in Italia stia incontrando alcuni ostacoli, siamo sulla giusta strada. Con la giusta formazione, organizzazione e consapevolezza, il BIM ha il potenziale per rivoluzionare il settore delle costruzioni nel nostro Paese.

Inoltre, mentre inizialmente l’adozione del BIM era vista come un modo per ridurre i costi, oggi l’attenzione si sta spostando sulla qualità del servizio offerto. Gli operatori del settore sono chiamati a dimostrare il valore aggiunto del BIM ai loro clienti, mostrando come questa metodologia possa migliorare l’efficienza, la precisione, l’interoperabilità e la sostenibilità dei loro progetti.

Cerchi lavoro nel settore dell’edilizia o hai bisogno di aiuto per cercare professionisti e operai specializzati? vai alla tua area dedicata: impresecandidato

4 Gennaio 2024 ANCE

🏗️ Riflessioni sull’Edilizia in Italia: Sfide e Opportunità.

Siamo all’inizio del 2024 e vorrei condividere alcune riflessioni sull'attuale stato dell'edilizia in Italia, un settore che continua ad essere...

14 Maggio 2024 Comunicazione

Un Passo Avanti Verso l’Edilizia del Domani: Il Cambiamento Inizia Ora

L'evoluzione dell'edilizia italiana si veste di tecnologia e sostenibilità, spinta da nuove strategie mirate a modernizzare gli edifici esistenti e...

3 Maggio 2024 Comunicazione

Affrontare la Crisi di Manodopera Qualificata: Una Strategia per il Futuro

Il Dilemma Attuale del Mercato del Lavoro Da anni, il mercato del lavoro si confronta con la difficoltà crescente di...

23 Aprile 2024 Comunicazione

La Rivoluzione della Sicurezza nei Cantieri: A che punto siamo con l’Introduzione della Patente a...

Presentato il 27 Febbraio dal Consiglio dei Ministri la  patente a punti per i cantieri dovrebbe essere un sistema pensato...

17 Aprile 2024 Comunicazione

L’Impatto del Superbonus e la Trasformazione Continua per il PNRR con geoJOB Recruitment

L'edilizia in Italia ha attraversato una fase di rinascita straordinaria grazie agli incentivi come il Superbonus 110%, che hanno stimolato...